Navigation mit Access Keys

50 anni di registrazione dei danni causati dal maltempo in Svizzera

Contenuto principale

  

Da 50 anni, l'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL raccoglie informazioni sui danni causati dal maltempo. Da allora, ha registrato 27.000 eventi con danni stimati a circa 15 miliardi di franchi svizzeri. I danni maggiori sono causati dalle inondazioni, che hanno toccato quasi ogni comune del nostro paese.

 

All'inizio di questa decennale raccolta di dati, l'intenzione era di dimostrare la necessità di misure di protezioni in torrenti e in pendii. Per questo motivo, l'allora Istituto federale di ricerca forestale (EAFV, oggi Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL) iniziò a registrare tutti i danni causati in Svizzera da inondazioni, colate detritiche e scivolamenti di terreno. La fonte d’informazione principale, allora come oggi, era un monitoraggio completo dei media.

Dopo le gravi tempeste del 1977/78 e del 1987, sono state elaborate nuove leggi federali sull'ingegneria idraulica e sulle foreste. Queste obbligarono i cantoni a creare carte e catasti dei pericoli. In seguito, una panoramica dei danni fornita secondo principi uniformi ha acquisito ulteriore importanza. La banca dati dei danni da maltempo è stata quindi portata avanti per conto dell'Ufficio federale dell'ambiente UFAM e, a partire dal 2002, sono stati inseriti nel catalogo anche gli eventi di cadute massi.

Dopo aver registrato retrospettivamente gli eventi di caduta (caduta massi, frane e smottamenti) per gli anni dal 1972 al 2001 attraverso gli archivi, disponiamo oggi di una serie di dati di 50 anni per i danni causati da alluvioni, colate detritiche, frane ed eventi di caduta.

 

1987 e 2005 sono le annate con i maggiori danni

Dal 1972, oltre 27.000 voci della banca dati descrivono costi di danni per ben 15 miliardi di franchi svizzeri. I costi più elevati sono di gran lunga quelli causati dalle alluvioni: quasi il novanta per cento della somma dei danni può essere ricondotto ad esse. La mappa mostra che quasi nessun comune ne è stato risparmiato negli ultimi 50 anni.

Tuttavia, sono pochi eventi importanti i responsabili della maggior parte dei danni. L'alluvione più dannosa degli ultimi 50 anni si è verificata il 21 e 22 agosto 2005. Ha causato danni per circa tre miliardi di franchi svizzeri e ha colpito quasi un comune su tre della Svizzera. Il secondo peggior maltempo con costi di ben 1,1 miliardi di franchi svizzeri (aggiustati per l'inflazione), ha colpito principalmente la regione alpina nell’estate del 1987 e in particolare i cantoni Uri, Ticino e Grigioni.

 

Carte di pericolo e monitoraggio ambientale

A chi giova conoscere questi fatti? I comuni e gli uffici tecnici utilizzano le informazioni sugli eventi dannosi, tra l'altro, per creare carte di pericoli, che devono essere aggiornate regolarmente. Inoltre, il database dei danni da maltempo viene utilizzato per la ricerca. Viene utilizzato anche per gli i rapporti dell'UFAM sullo stato e lo sviluppo dell'ambiente dove fornisce due degli otto indicatori sui pericoli naturali.

In generale, i danni possono essere evitati o limitati soprattutto se i pericoli sono noti. È quindi di fondamentale importanza raccogliere e rendere disponibili le informazioni sugli eventi passati. La serie di dati sui danni causati dalle intemperie in Svizzera può quindi essere intesa come una memoria collettiva.

 

L’istituto di ricerca federale WSL raccoglie sistematicamente dal 1972 tutti i dati e le informazioni sui danni causati dal maltempo. La banca dati, creata con il sostegno dell’Ufficio federale dell’ambiente UFAM, contiene informazioni sui danni provocati da inondazioni, colate detritiche, scivolamenti e, dal 2002, anche da cadute di massi e frane. I danni causati da valanghe, pressione della neve, terremoti, fulmini, grandine e venti tempestosi non vengono considerati nelle analisi. La stima dei danni materiali, infrastrutturali, boschivi e agricoli si basa principalmente sugli articoli pubblicati dai media. Questi dati, che rappresentano una base importante per la valutazione del pericolo, possono essere messi a disposizione degli esperti su richiesta. Il rilevamento dei danni causati dal maltempo da parte del WSL è utile ai fini del reporting sull’ambiente dell’Ufficio federale dell’ambiente UFAM.

 

  

 

ULTERIORI INFORMAZIONI