Navigation mit Access Keys

Ghiacciaio porta il nome di Konrad Steffen

Contenuto principale

  

Straordinario omaggio a tre glaciologi deceduti, che hanno dedicato gran parte della loro vita a sondare i segreti dei ghiacciai groenlandesi. Tra questi Konrad Steffen, ex direttore dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, le neve e il paesaggio WSL.

 

Per la prima volta dopo molti anni, le mappe groenlandesi hanno acquisito toponimi di origine non groenlandese. Tre ghiacciai sono stati intitolati a tre glaciologi scomparsi, che hanno dato un contributo eccezionale alla società e alla scienza groenlandese: Niels Reeh, Anker Weidick e Konrad Steffen. Quest'ultimo è morto in un tragico incidente mentre svolgeva un lavoro sul campo sulla calotta glaciale vicino a Ilulissat nel 2020.

Così, un ghiacciaio marino-terminale nel Nord che fornisce una forte connessione tra la calotta glaciale e l'oceano porta ora il nome di Sermeq Konrad Steffen. 

"Il Comitato per i nomi dei luoghi della Groenlandia ha esaminato le proposte e ha utilizzato diversi metodi di indagine per scoprire se vi fossero nomi di luoghi groenlandesi esistenti e non registrati intorno alle località proposte. Nella nostra decisione, abbiamo cercato di garantire che le proposte fossero in accordo con i punti rilevanti della nostra attuale base di lavoro, compresi i motivi straordinari per la verifica dei toponimi in Groenlandia", afferma un comitato congiunto.

 

Non era mai successo che i ghiacciai della Groenlandia prendessero il nome di una persona.

Il Comitato per i nomi dei luoghi della Groenlandia ha approvato la proposta il 9 giugno. La questione era in cantiere dall'inizio del 2021, quando il Comitato ha ricevuto una proposta congiunta da quattro istituzioni scientifiche a cui i tre glaciologi erano affiliati. La proposta è stata avviata e coordinata dal ricercatore senior William Colgan del GEUS (Geological Survey of Denmark and Greenland, dove sia Niels Reeh che Anker Weidick hanno svolto le loro ricerche).

La proposta spiegava perché questi tre ricercatori meritavano che un ghiacciaio groenlandese portasse il loro nome, includendo dettagli tecnici e giustificazioni su quali ghiacciai. Inoltre, conteneva numerose dichiarazioni e lettere di sostegno da parte di una serie di soggetti interessati che testimoniavano l'etica e lo straordinario contributo dei tre candidati alla scienza e alla società groenlandese. Naturalmente sono state consultate anche le famiglie dei tre ricercatori deceduti.

Oltre a onorare i tre uomini e la loro dedizione per tutta la vita ai ghiacciai groenlandesi, la decisione di dare il loro nome ai ghiacciai eleva anche la cultura groenlandese, facendola conoscere a un pubblico più vasto.

Gian-Kasper Plattner del WSL ha lavorato alla proposta insieme a membri del GEUS, dell'Università di Copenhagen (KU), dell'ASIAQ Greenland Survey e del Cooperative Institute for Research in Environmental Sciences dell'Università del Colorado Boulder (CIRES). Ha dichiarato: "La decisione di dare il nome di uno dei ghiacciai mozzafiato della Groenlandia all'ex direttore del WSL "Koni" Steffen è un onore e un riconoscimento straordinario da parte del popolo e del governo groenlandese per il suo contributo alla scienza e alla società groenlandese". La Groenlandia - Kalaallit Nunaat, come viene chiamata in groenlandese - era un luogo molto speciale per Koni. Ne sarebbe stato profondamente commosso".

 

Informazioni su Konrad Steffen

Konrad Steffen ha creato una serie di stazioni meteorologiche automatiche sulla calotta glaciale, a partire dal 1990. Mentre manteneva questa rete dalla base "Swiss Camp" da lui creata, ha lavorato prima all'Università del Colorado e poi all'Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio WSL. Steffen ha collaborato con il GEUS per il lavoro sul campo della calotta glaciale nell'area di Paakitsoq tra il 1993 e il 2020. Konrad Steffen è morto nel 2020, all'età di 68 anni, in un incidente mentre era impegnato nella manutenzione delle stazioni meteorologiche della calotta glaciale vicino a Ilulissat.

Uno dei principali contributi di Steffen alla scienza groenlandese è stato quello di documentare i recenti aumenti delle temperature dell'aria e dei tassi di scioglimento della calotta glaciale dovuti ai cambiamenti climatici. Queste misurazioni vitali della calotta glaciale sono utilizzate da gruppi di ricerca di tutto il mondo e hanno contribuito a molte scoperte, tra cui l'osservazione che la calotta glaciale scivola più velocemente nell'oceano durante le estati più calde.

Il suo principale contributo alla società groenlandese è stato quello di evidenziare costantemente gli impatti del cambiamento climatico che la Groenlandia deve affrontare nei media internazionali e di sostenere con forza l'azione politica per evitare pericolosi cambiamenti climatici per le generazioni future.

Oltre a dirigere l'Istituto Federale di Ricerca WSL dal 2012 al 2020, Konrad Steffen è stato professore di Clima e Criosfera presso il Politecnico di Zurigo e l'EPFL. È stato anche direttore scientifico dell'Istituto Polare Svizzero.

 

ULTERIORI INFORMAZIONI