Navigation mit Access Keys

Situazione nivologica e valanghiva straordinaria - Lunedì 14.01.2019, ore 17.00

Contenuto principale

  

Pericolo di valanghe in diminuzione, ma possibilità di isolate valanghe spontanee di dimensioni molto grandi

 

Dall’inizio delle precipitazioni sabato sera fino a lunedì pomeriggio, sulla cresta settentrionale delle Alpi, in alcune zone del Vallese, nel nord dei Grigioni e in bassa Engadina sono caduti in molti punti al di sopra dei 1500 m dai 60 ai 120 cm di neve, con punte anche maggiori a livello locale. Lunedì, in queste regioni si sono staccate numerose valanghe spontanee, in alcuni casi anche di dimensioni estreme.

Le precipitazioni sono in fase di diminuzione e si concluderanno nella notte fra lunedì e martedì. Nel corso della giornata di martedì si attenuerà inoltre il vento proveniente da nord. Di conseguenza, il pericolo di valanghe diminuirà gradualmente. Inizialmente continueranno tuttavia a essere possibili in molte regioni isolate valanghe spontanee di dimensioni da molto grandi a estreme.

Pericolo di valanghe ancora forte (grado 4 su 5)
Per martedì 15 gennaio 2019 l’SLF valuta che il pericolo di valanghe raggiungerà il grado 4 (forte) praticamente su tutto l’arco alpino. Le condizioni saranno molto critiche. Vie di comunicazione esposte e singoli edifici potranno essere minacciati. È assolutamente necessario rispettare le istruzioni impartite dalle autorità e dai servizi di sicurezza locali. In tutte le regioni interessate si sconsiglia la pratica delle attività fuoripista.

Situazione nivologica straordinaria
L’attuale situazione è da considerarsi straordinaria per quanto riguarda le lunghe e persistenti nevicate, soprattutto nelle regioni nord orientali delle Alpi svizzere al di sopra dei 1000 m. In questa regione la somma delle quantità di neve fresca misurate nelle ultime due settimane è compresa fra i 2 e i 3 m. Simili valori nell’arco di 15 giorni vengono registrati solo una volta ogni 20-50 anni. Con le persistenti nevicate, fino a domani mattina è probabile che presso alcune stazioni meteo vengano registrati nuovi valori massimi relativamente all’altezza totale della neve fresca sui 15 giorni.

Nella fascia nord orientale delle Alpi svizzere, l’attuale altezza del manto nevoso è all'incirca doppia rispetto alla media di questo periodo. Di conseguenza, circa una dozzina di stazioni pluriennali di questa regione hanno registrato un nuovo record per la metà di gennaio.

Il prossimo bollettino delle valanghe verrà pubblicato martedì 15 gennaio 2019 alle ore 8.00.

Informazioni importanti: