Navigation mit Access Keys

Il consigliere federale Guy Parmelin in visita all’SLF

Contenuto principale

  

Le ricercatrici e i ricercatori di ETH di Zurigo, EPFL, PSI, Empa, Eawag e WSL hanno presentato a circa sessanta rappresentanti del mondo politico, scientifico ed economico “Le innovazioni dalla Svizzera per la Svizzera”.

 
Immagine 1 di 8
Foto 1: Il consigliere federale Guy Parmelin, capo del DEFR e pertanto responsabile di tutte le istituzioni del settore dei PF (ETH di Zurigo, EPFL, PSI, Empa, Eawag e WSL) ha dato il benvenuto presso l’SLF ad autorità e ospiti provenienti dal mondo politico e scientifico. Ogni singolo franco investito nel settore dei PF produce in Svizzera un valore oltre cinque volte maggiore, ha affermato Parmelin. Il settore dei PF genera in questo modo centinaia di migliaia di posti di lavoro, con una creazione di valore pari a 13 miliardi di franchi svizzeri. Foto: Markus Mallaun, Mallaun Photography
Immagine 2 di 8
Foto 2: L’ETH di Zurigo ha presentato il cubo “Cubli”, in grado di muoversi autonomamente e pertanto di stabilizzarsi anche in una posizione di per sé instabile. Gli sviluppi contenuti al suo interno potrebbero un giorno essere impiegati per il movimento autonomo in ambienti estremamente inospitali, per esempio su un asteroide, oppure per la stabilizzazione dei satelliti. Foto: Markus Mallaun, Mallaun Photography
Immagine 3 di 8
Foto 3: Con gli attuali strumenti di controllo, pilotare un drone non è un compito particolarmente intuitivo e richiede inoltre l’uso di entrambe le mani. La “Fly Jacket” dell’EPFL consente di svolgere questa attività in modo semplice sfruttando gesti del corpo. In questo modo le mani possono per esempio essere utilizzate per documentare dove le persone attendono i soccorsi dopo una catastrofe naturale. Foto: Markus Mallaun, Mallaun Photography
Immagine 4 di 8
Foto 4: Con la Strategia energetica della Confederazione, le fonti di energia rinnovabili come il sole e il vento acquisiscono un ruolo sempre più rilevante. Il PSI ha illustrato le varie possibilità per l’accumulo energetico nel settore delle rinnovabili. Considerato che in questo campo la produzione di energia e il consumo della stessa non sempre possono coincidere sotto il profilo temporale, le possibilità di storage – che sia per poche ore o un’intera stagione – sono estremamente importanti. Foto: Markus Mallaun, Mallaun Photography
Immagine 5 di 8
Foto 5: In Svizzera il legno è una materia prima rinnovabile e sostenibile fondamentalmente sotto-utilizzata. L’Empa ha dimostrato come dall’acero di montagna autoctono sia possibile ottenere il cosiddetto “Swiss Ebony” per sostituire il legno tropicale nella costruzione di violini. In questo modo non solo si previene lo sfruttamento selvaggio ai Tropici, ma si genera anche un notevole aumento di valore del legname svizzero. Foto: Markus Mallaun, Mallaun Photography
Immagine 6 di 8
Foto 6: Il numero e le specie di plancton – il complesso dei minuscoli organismi (animaletti e alghe) galleggianti – sono un indicatore dello stato di salute delle acque. L’Eawag ha sviluppato un microscopio subacqueo che non solo è in grado di scattare automaticamente foto del plancton, ma anche di classificare in autonomia tali animaletti e alghe tramite l’intelligenza artificiale, risparmiando in questo modo un impegnativo lavoro manuale. Foto: Markus Mallaun, Mallaun Photography
Immagine 7 di 8
Foto 7: Per proteggere dai pericoli naturali i centri abitati e le vie di comunicazione nelle regioni di montagna, occorre sapere fin dove possono avanzare valanghe, frane o colate detritiche e conoscere quale forza distruttiva queste possono sviluppare. Il WSL ha presentato il software di simulazione RAMMS, che ha sviluppato proprio a tale scopo per studi di ingegneria e responsabili della sicurezza. Foto: Markus Mallaun, Mallaun Photography
Immagine 8 di 8
Foto 8: Da sinistra a destra: Thierry Strässle (direttore PSI a.i.); Joël Mesot (presidente ETH Zurigo); Jürg Schweizer (capo SLF); Janet Hering (direttrice Eawag); Koni Steffen (direttore WSL); Guy Parmelin (consigliere federale, capo del DEFR); Gian-Luca Bona (direttore Empa); Martin Vetterli (presidente EPFL); Fritz Schiesser (presidente Consiglio dei PF). Foto: Markus Mallaun, Mallaun Photography
 

ULTERIORI INFORMAZIONI