Navigation mit Access Keys

Alberi e limite del bosco: rimboschimento sperimentale sullo Stillberg

Contenuto principale

 

Sullo Stillberg analizziamo la crescita degli alberi al limite del bosco e le interazioni tra alberi, manti nevosi e valanghe. Se un tempo l'obiettivo principale della ricerca era la protezione contro le valanghe, ora conduciamo un numero sempre maggiore di esperimenti nell'ambito del cambiamento climatico.

 

La nostra ricerca sullo Stillberg, nei pressi di Davos, è cominciata negli anni 50. Il sito sperimentale è stato attrezzato nell'ambito del primo programma di ricerca comune dell'allora EAFV (attuale WSL) e dell'SFL. L'obiettivo principale era trovare un procedimento adatto al rimboschimento nelle zone di distacco delle valanghe nelle aree al limite del bosco. Nel 1975 abbiamo piantato in maniera sistematica circa 92 000 alberelli nel sito sperimentale. Da allora, il pendio fornisce informazioni sull'impatto a lungo termine di diversi fattori ambientali al limite del bosco alpino.

 

Una selezione delle nostre attività di ricerca

 

  • Monitoraggio a lungo termine degli alberi al limite del bosco (SLF / WSL)

    Dal 1975 al 1995 abbiamo effettuato un intenso monitoraggio dei cembri, mughi e laceri piantati, monitoraggio che continua a livello estensivo dal 1995 . Un confronto con rilevamenti precedenti ci permette di studiare l'impatto dei fattori stazionali e dei rapporti di vicinanza nel tempo e nello spazio.

  • Limiti della vegetazione arborea alpina in un futuro caldo e ricco di CO2 (WSL/SLF e altri partner)
    Al WSL studiamo le reazioni di piante e suolo al limite del bosco nei confronti di scenari climatici futuri, sottoponendo alberi e vegetazione del suolo a una maggiore concentrazione di CO2 e a temperature del suolo più elevate.

  • Esperimento sulla limitazione delle sostanze nutritive (SLF)

    In questo esperimento di fertilizzazione esaminiamo se le sostanze nutritive limitano la crescita degli alberi al limite del bosco, se è possibile incentivare la crescita tramite l'apporto di sostanze nutritive, in caso di condizioni climatiche estreme, e se gli alberi diventano eventualmente più sensibili allo stress e alle perturbazioni a seguito di una maggiore disponibilità di nutrimenti.

  • Cambiamento climatico in inverno - come reagiscono le piante? (SLF)
    Manipolando il manto nevoso, provochiamo uno snevamento anticipato. In seguito, studiamo il ciclo di vita, la crescita e la riproduzione delle piante. Questi esperimenti vengono condotti da una parte nelle brughiere di arbusti nani alpini dello Stillberg, dall'altra nella tundra subartica dell'Alaska.