Navigation mit Access Keys

Il ritiro dei ghiacciai continua senza sosta

Contenuto principale

  

Il volume dei ghiacciai svizzeri ha continuato a diminuire anche durante l’estate 2020. Senza essere estremo, il declino rimane massiccio e sta cambiando per sempre l'immagine delle Alpi. L’acqua persa dai ghiacciai svizzeri dal 1960 basterebbe per riempire il Lago di Costanza. Ad altitudini più basse, nell'inverno del 2019/20 la neve è stata meno abbondante che mai, causa le temperature miti. Relazione della commissione d'esperti di criosfera dell'Accademia svizzera delle scienze.

 

 

Nell'ultimo decennio, lo scioglimento dei ghiacciai è stato più forte che mai da quando sono iniziate le osservazioni. La perdita continua nel 2020, ma grazie a un'estate leggermente meno calda non è ugualmente forte in tutta la Svizzera. All'inizio di maggio la neve sui ghiacciai corrispondeva circa alla media degli ultimi 10 anni. Tuttavia, le lingue dei ghiacciai hanno cominciato a sciogliersi precocemente e lo scioglimento ha raggiunto livelli elevati. Nel settembre 2020, nella zona dove si trova il grande ghiacciaio dell'Aletsch, vicino allo Jungfraujoch, è stato misurato il livello di neve più basso da quando sono iniziate le misurazioni 100 anni fa. Rispetto agli anni 2017-2019, tuttavia, la situazione è stata un po' meno grave per la maggior parte dei ghiacciai. Ciononostante, negli ultimi 12 mesi quasi il 2% del volume totale dei ghiacciai in Svizzera è andato nuovamente perduto - la tendenza negativa continua.

 

 

Il ritiro del ghiacciaio cambia il paesaggio

 

Le misurazioni delle nevicate invernali e dello scioglimento delle nevi su oltre 20 ghiacciai in tutte le parti del paese mostrano differenze significative nelle perdite. Mentre i ghiacciai bassi e piatti (ad es. il ghiacciaio di Tsanfleuron, VS) hanno registrato una riduzione media dello spessore del ghiaccio di 2 metri, i ghiacciai ad alta quota del Vallese meridionale, del Ticino e dell'Engadina (ad es. Findelgletscher, Ghiacciaio del Basòdino) hanno perso solo circa 0,5 metri di spessore. Questo è dovuto a molta neve all'inizio dell'inverno e alle nevicate d'estate. 
Dal 1960 i ghiacciai svizzeri hanno perso così tanta acqua da poterne riempire il Lago di Costanza. Questo ha cambiato in modo significativo il paesaggio delle Alpi: gli avamposti dei ghiacciai si estendono e si creano nuovi laghi di montagna. Alcuni piccoli ghiacciai hanno dovuto essere rimossi dalla rete di monitoraggio a causa della loro disgregazione (ad esempio Vadret dal Corvatsch, GR). Il ritiro del ghiacciaio crea anche dei pericoli, come dimostrano in modo impressionante la rottura del ghiaccio sul  ghiacciaio del Turtmann, VS e lo svuotamento del lago glaciale sulla Plaine Morte, BE.

 

Con abbondanti nevicate all'inizio di novembre 2019, le precipitazioni nevose in montagna sono avvenute circa due settimane prima del normale. Sul versante meridionale delle Alpi, in alcuni casi sono stati registrati nuovi massimi di neve fresca in novembre. La temperatura nei mesi invernali da dicembre a febbraio è stata di calore record con un plus di oltre 3°C. Anche la primavera fu chiaramente troppo calda e caratterizzata da molto sole. Così, al di sotto dei 1000 metri, le precipitazioni sono cadute per lo più sotto forma di pioggia durante tutto il semestre invernale - la poca neve è rimasta per qualche ora o al massimo per qualche giorno. In questa fascia altitudinale, abbiamo avuto l’inverno con le minori precipitazioni nevose dall'inizio delle misurazioni, meno ancora degli inverni 1989/90 e 2006/07. È anche stato il primo in cui non si è registrata alcuna nuova neve nelle stazioni di Altdorf, Stans e Lucerna nella Svizzera centrale (le misurazioni sono iniziate nel 1883). Tra i 1000-1700 m.s.l.m., l'altezza della neve è stata quasi ovunque tra il 10 e il 90% inferiore alla media del periodo 1981-2010. Al di sopra dei 1700 m.s.l.m., l'altezza della neve è stata nella media, e nel Ticino settentrionale e nel Vallese meridionale è stata in alcuni casi superiore alla media.

 

 

Estate calda con singole nevicate nelle Alpi

 

A giugno, le nevicate hanno ritardato la già avanzata riduzione del manto nevoso ad alta quota. Ad eccezione delle stazioni del Vallese meridionale, tuttavia, la copertura nevosa si è sciolta con 1-4 settimane di anticipo rispetto al normale. I mesi da luglio a settembre sono stati ancora una volta caratterizzati da temperature superiori alla media. A differenza degli ultimi due anni, però, in agosto ha nevicato due volte fino a 2000 metri. Alla fine di settembre, la linea delle nevicate sul versante nord delle Alpi è scesa in alcuni casi a meno di 1000 metri. Al di sopra di questo, sono stati registrati 20-30 cm di neve fresca, il che è eccezionale per questo periodo dell'anno.

 

 

ulteriori informazioni