Navigation mit Access Keys

Paul-André (detto Paulon) Massy, Grimentz (VS)

Contenuto principale

  
  • Coniugato, senza figli
  • Pensionato, in precedenza era nel servizio di sicurezza delle piste e addetto al catasto del comune di Anniviers
  • Osservatore per l'SLF dal 1973
 

Cosa segnali esattamente in qualità di osservatore?

Ogni giorno faccio osservazioni e misurazioni sul campo neve davanti a casa mia. Effettuo misurazioni della neve (profondità della neve fresca, profondità della neve, equivalente in acqua della neve fresca se nevica più di 10 cm, penetrazione della sonda a percussione) e osservazioni (limite dell'innevamento, limite pioggia-neve, valanghe…).

Come è diventato osservatore SLF?

Mio padre era già osservatore dal 1956, io sono subentrato dopo la sua morte nel 1973. Non so come lui sia diventato un osservatore, ma ricordo che a quei tempi le note in codice venivano trasferite ogni mattina all'SLF via telegrafo al numero 110.

Cosa ti piace di questa tua funzione?

Ad ogni modo, sono un «maniaco delle annotazioni», quindi prenderei appunti anche se non fossi un osservatore. Ecco perché mi piace così tanto questo lavoro.

Cosa ti piace meno/è più faticoso?

In realtà, niente. Quello che mi rattrista un po' è che siamo sempre più spesso sostituiti da stazioni automatiche e abbiamo quindi sempre meno parametri da trasmettere.

Come riesci a conciliare questa tua funzione con le altre attività?

Il lavoro di osservazione che faccio richiede solo 10 minuti del mio tempo al mattino, quindi non devo preoccuparmi di conciliarlo con la mia vita quotidiana. In effetti, penso che qualsiasi volontario potrebbe fare bene questo lavoro.

Qual è stata la tua esperienza più impressionante con la neve e le valanghe?

Io stesso sono stato sepolto nel 1984 durante un distacco artificiale con esplosivo nell'ambito del mio lavoro di pattugliatore. Per fortuna sono stato salvato dal mio collega che era sul campo con me. Ho riportato ferite ma meno male non ci sono state gravi conseguenze.

Cosa ti lega al materiale neve?

Noi che viviamo in montagna non abbiamo scelta, la neve è presente quasi ogni mese e fa quindi davvero parte della nostra vita.

Cosa ti piace fare quando hai finito di lavorare/nel tuo tempo libero?

Adoro sciare e lo faccio spesso. Tuttavia, quando c'è tanta gente come a Natale non ci vado. A Natale vado in Ticino. Non faccio più sci alpinismo perché ho problemi alle ginocchia, quindi lo sci fuori pista per me è difficoltoso. Oltre a sciare, pratico anche il curling. Abbiamo un piccolo club di curling qui a Grimentz, ma non abbiamo una pista quindi giochiamo a Sierre ogni settimana.

Qual è il posto che ami di più nel mondo?

Sono nato a Grimentz e ho sempre vissuto qui. La Svizzera rimane il mio posto preferito, c'è pace, tranquillità sul lavoro, sicurezza. Mi piace anche l'Italia e spesso trascorro le vacanze in Ticino, dove vivono i miei suoceri.

Qual è il periodo dell'anno che ami di più?

Amo tutte le stagioni.

A cosa non puoi rinunciare?

Mia moglie!

Quest'anno l'SLF festeggia «75 anni di bollettino valanghe». Cosa significa per te questo anniversario?

L'SLF è un'ottima istituzione che ha fatto molto bene al mondo dello sport amatoriale. Hanno sviluppato un sistema efficiente e sicuro. È bello avere un'istituzione come questa di cui potersi fidare.