WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF Link zu SLF Hauptseite Link zu WSL Hauptseite
 

Opportunità e limiti del bollettino delle valanghe

Sia le previsioni del tempo che quelle del pericolo valanghe, che in parte si basano sulle prime, possono sostanzialmente contenere errori: tale eventualità risiede nella natura stessa della previsione. Il nesso tra grado di pericolo regionale, possibile attività valanghiva e relativi effetti (comprese le eventuali misure da adottare) deve essere stabilito sul posto dall’utente del bollettino delle valanghe.
Le formulazioni contenute nel bollettino delle valanghe sono di carattere generale. Le condizioni locali non possono essere valutate nel bollettino, tanto meno un singolo pendio. Per la valutazione locale, gli appassionati di sport invernali e i responsabili della sicurezza devono quindi basarsi anche sui loro metodi di analisi personali. Tra questi rientrano ad es. osservazioni nivo-meteorologiche locali, analisi del manto nevoso, studio delle carte, valutazione del pendio sul posto, così come considerazioni individuali sul pericolo. I servizi di sicurezza possono eventualmente ricorrere anche ai risultati dei distacchi artificiali di valanghe. In qualsiasi decisione devono sempre confluire tutte le informazioni disponibili. In tale contesto assumono un peso particolare le informazioni che lasciano presupporre condizioni instabili.
Nel bollettino delle valanghe vengono descritte esclusivamente le condizioni presenti al di fuori delle zone protette dai servizi di sicurezza delle funivie locali, cioè al di fuori delle discese e delle piste controllate.
Nel bollettino delle valanghe possono essere specificate le zone del pendio in cui sono previsti punti particolarmente critici. Con l’aiuto delle fonti di dati esistenti, è tuttavia possibile prevedere esclusivamente il pericolo di valanghe regionale. Informazioni dettagliate riguardanti zone circoscritte non possono essere fornite.
Occorre inoltre tenere presente che la densità di informazioni è massima per le quote medie e alte, mentre è minima per l’alta montagna. Le indicazioni fornite sulle zone d’alta montagna richiedono dunque una verifica particolare.
Con condizioni meteo che cambiano bruscamente non è possibile prevedere completamente l’evoluzione del pericolo di valanghe, né dal punto di vista territoriale né da quello temporale.
L’SLF si riserva espressamente la facoltà di modificare e cancellare in tutto o in parte i contenuti, così come di interromperne temporaneamente la pubblicazione, senza alcun preavviso.