WSL-Institut für Schnee- und Lawinenforschung SLF Link zu SLF Hauptseite Link zu WSL Hauptseite
 

Incidenti da valanga in estate

Chi vuole muoversi in sicurezza in montagna, deve considerare il pericolo di valanghe sui pendii ripidi innevati. Un’accortezza che non vale solo d’inverno: le valanghe possono infatti distaccarsi anche d’estate, soprattutto dopo abbondanti nevicate. Anche se più rare che d’inverno, causano in Svizzera mediamente da una a due vittime ogni anno. «Alcuni alpinisti non sono consapevoli di questo pericolo», ammette il previsore dell’SLF Frank Techel. Sinora anche la ricerca si è occupata poco degli incidenti da valanga estivi.

Per questo motivo, Techel e tre medici del Centro ospedaliero universitario del Vaud di Losanna hanno svolto una ricerca e analizzato tutti gli incidenti da valanga con esiti fatali che si sono verificati in Svizzera tra il 1984 e il 2014 nelle zone fuoripista. Dei 482 incidenti totali presi in esame, 21 (4%) si sono verificati nei mesi estivi (da giugno a ottobre), causando la morte di 40 persone.

Lawinenunfall Zinalrothorn

Questa valanga di neve a lastroni (evidenziata in rosso) si è distaccata il 19 giugno 2014 travolgendo due persone che stavano scendendo dal Zinalrothorn. Gli alpinisti sono precipitati per diverse centinaia di metri lungo una parete rocciosa e i loro corpi sono stati recuperati privi di vita (Foto: B. Jelk).

Gravi lesioni causate dalla caduta

38 delle 40 vittime stavano facendo un’escursione in alta montagna, sono state travolte da una valanga in una zona esposta e quindi precipitate a valle per diverse centinaia di metri. Le gravi lesioni causate dalla caduta sono state la principale causa del decesso. In inverno, invece, la principale causa è il soffocamento, perché la maggior parte delle vittime rimane completamente seppellita nella valanga. Una situazione che si verifica più raramente con le valanghe estive.

Anche se gli incidenti da valanga in estate sono molto più rari, occorre tenere presente che nei casi presi in esame il numero medio delle vittime per ciascuna valanga era leggermente superiore che in inverno. Secondo gli autori della ricerca, il motivo principale è dovuto al fatto che solitamente durante un’escursione in alta montagna tutta la comitiva è legata in cordata. «Quando un membro della comitiva viene travolto dalla valanga, spesso trascina con sé l’intera cordata», afferma Techel. Il soccorso delle vittime di una valanga estiva, sia da parte dei compagni che delle squadre di soccorso professionali, è spesso un’operazione difficile perché nella maggior parte dei casi si verifica su pendii ripidi difficilmente accessibili.

Gestione del pericolo di valanghe in estate

Per non esporsi a questo pericolo, occorre osservare quanto segue:

  • Considerare il pericolo di valanghe quando si pianifica un'escursione. Dopo abbondanti nevicate, l’SLF pubblica un bollettino delle valanghe straordinario anche d’estate.
  • In estate le principali fonti di pericolo sono: neve fresca, neve ventata e valanghe bagnate. La valutazione dei punti pericolosi avviene esattamente come in inverno.
  • Anche piccole colate possono avere conseguenze fatali, soprattutto quando sussiste un pericolo di caduta. Tenerne conto durante la scelta dell'itinerario.

Links

Contatto

Frank Techel