WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF Link zu SLF Hauptseite Link zu WSL Hauptseite
 

Bollettino valanghe per sabato, 25 marzo 2017

In alcuni punti marcato pericolo di valanghe. Attenzione alla neve ventata e alla neve vecchia a debole coesione

Edizione: 24.3., 17:00 Prossimo aggiornamento: 25.3., 18:00 Validità

In alcuni punti marcato pericolo di valanghe. Attenzione alla neve ventata e alla neve vecchia a debole coesione
Edizione: 24.3.2017, 17:00 / Prossimo aggiornamento: 25.3.2017, 18:00
Manto nevoso
Nelle regioni più colpite dalle precipitazioni, gli strati di neve fresca e ventata di questa settimana si stanno stabilizzando. Con un limite delle nevicate a tratti elevato, si sono distaccate numerose valanghe che in alcuni casi hanno coinvolto l'intero manto nevoso. In quota, il forte vento proveniente da sud ha causato la formazione di accumuli di neve ventata instabili.
Specialmente sui pendii esposti a ovest, a nord e a est situati al di sopra dei 2200 m circa, la parte basale del manto nevoso ingloba strati fragili di neve a cristalli sfaccettati. Nelle regioni alpine interne del Vallese e dei Grigioni questi strati fragili sono solo poco innevati e in alcuni punti possono essere sollecitati in seguito al passaggio di persone.
Il manto nevoso si è completamente umidificato fino ai 2000 m circa sui pendii esposti a nord, nelle regioni occidentali fin verso i 2500 m. Sui pendii ripidi esposti a sud risulta completamente umidificato sin verso i 3000 m, eccetto nelle regioni con neve fresca. Sui pendii ripidi non ancora scaricati si prevedono ancora valanghe che in alcuni casi possono coinvolgere l'intero manto nevoso.
Retrospettiva meteo di venerdì, 24.3.2017
Nella parte vallesana della cresta principale delle Alpi e nelle regioni meridionali la notte è stata molto nuvolosa e al di sopra dei 1800 m circa sono caduti dai 10 ai 30 cm di neve. Nel corso della giornata il cielo è stato molto nuvoloso con locali precipitazioni solo più di debole intensità.
Nelle restanti regioni la notte è stata parzialmente serena, soprattutto in quelle orientali. Nel corso della giornata il tempo è stato per lo più molto nuvoloso con tratti soleggiati soprattutto nelle regioni nord orientali.
Neve fresca
Da martedì sera a venerdì a mezzogiorno, al di sopra dei 2200 m circa:
  • Cresta principale delle Alpi dalla zona del Sempione al passo del San Bernardino e a sud di essa: dai 60 ai 100 cm, con punte sino a 120 cm nel Ticino occidentale
  • Restante cresta principale delle Alpi dal Binntal alla valle Bregaglia, restante versante sudalpino centrale, restanti Alpi Urane: dai 40 ai 60 cm
  • Parte bassovallesana della cresta principale delle Alpi, restante versante nordalpino centrale senza Prealpi, restanti Alpi glaronesi: dai 20 ai 40 cm
  • Restanti regioni: dai 5 ai 20 cm
Temperatura
Sul mezzogiorno a 2000 m compresa fra +6 °C nelle regioni settentrionali e +1 °C in quelle meridionali
Vento
Sulla cresta settentrionale delle Alpi da moderato a forte, a tratti tempestoso, altrimenti da debole a moderato proveniente da sud a sud est
Previsioni meteo sino a sabato, 25.3.2017
Il tempo sarà per lo più soleggiato con banchi di nubi. Nel sud del Vallese, durante la giornata il cielo diventerà progressivamente sempre più nuvoloso con deboli rovesci di neve al di sopra dei 2000 m nel pomeriggio.
Neve fresca
-
Temperatura
Sul mezzogiorno a 2000 m di +6 °C nelle regioni settentrionali e +3 °C in quelle meridionali
Vento
Sulla cresta settentrionale delle Alpi e in quota da moderato a forte, altrimenti da debole a moderato, proveniente da sud est
Tendenza sino a lunedì, 27.3.2017
Domenica
Nel Vallese e sul versante nordalpino il cielo sarà per lo più molto nuvoloso con deboli nevicate. Il limite delle nevicate scenderà a 1300 m. Il pericolo di valanghe asciutte non subirà variazioni degne di nota. Il pericolo di valanghe bagnate diminuirà leggermente.
Nelle regioni meridionali il cielo sarà generalmente soleggiato. Il pericolo di valanghe asciutte diminuirà. Il pericolo di valanghe bagnate sarà soggetto a un ciclo giornaliero.
Lunedì
Lunedì il cielo sarà per lo più soleggiato e con temperature di nuovo più miti. Il pericolo di valanghe asciutte diminuirà. Il pericolo di valanghe bagnate sarà soggetto a un ciclo giornaliero.